Regione Lombardia

ELETTORALE_Voto Domiciliare e Assistito

Ultima modifica 15 ottobre 2018

Voto Domiciliare e Assistito

 

NORMATIVA ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA'

VOTO ASSISTITO

Gli elettori con grave infermità possono essere accompagnati all’interno della cabina elettorale da un altro elettore, per poter eseguire la votazione. Sono da considerarsi elettori affetti da grave infermità fisica i non vedenti, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o altro impedimento di analoga gravità tale da non consentire l'autonoma espressione del diritto al voto. Detti elettori possono esprimere il voto con l'assistenza di un elettore della propria famiglia o, in mancanza, di un altro elettore liberamente scelto, purché l'uno o l'altro sia iscritto nelle liste elettorali in un qualsiasi Comune della Repubblica. È possibile inoltre richiedere al Comune, nel rispetto delle disposizioni vigenti, di apporre un timbro sulla tessera elettorale che attesti il diritto permanente di poter usufruire del voto assistito. La richiesta d’apposizione del timbro "AVD" (in allegato in fondo alla pagina) va presentata all’Ufficio Elettorale di Corso Rosselli 20, con la documentazione sanitaria rilasciata dalla ASL competente che certifica l’impossibilità di esercitare autonomamente il diritto di voto, unitamente alla tessera elettorale in originale e a un valido documento d'identita'. Tale annotazione evita all'elettore fisicamente impedito di doversi munire di volta in volta, in occasione di ogni consultazione, dell'apposito certificato medico. Non ci sono scadenze. Per gli elettori non vedenti è sufficiente esibire, oltre alla tessera elettorale in originale e a un valido documento d'identita', il libretto nominativo di pensione rilasciato dall’INPS nel quale sia indicata la categoria generica "invciv" ed apposita documentazione sanitaria, rilasciata da Medico Legale ed attestante l'impossibilità ad esercitare autonomamente il diritto di voto, o il libretto nominativo di pensione precedentemente rilasciato dall' I.N.P.S. o dal Ministero dell'Interno nel quale sia indicata la categoria "Ciechi civili" ed un numero attestante la cecità assoluta del titolare del libretto (cioè uno dei seguenti numeri di codice o fascia: 06, 07, 10, 11, 15, 18, 19). Analogamente, per la categoria dei "Ciechi di guerra" è sufficiente esibire il certificato di pensione modello 69 rilasciato dal Ministero del Tesoro.

La domanda per ottenere il timbro sulla tessera elettorale può essere presentata anche da persona diversa dall’elettore interessato, purché in possesso di: - delega (su carta semplice) - fotocopia di un valido documento d’identità dell’interessato - tessera elettorale in originale dell’interessato - documentazione sanitaria rilasciata dalla ASL competente. I tempi di erogazione sono contestuali alla presentazione della documentazione

VOTO DOMICILIARE

E’ l’esercizio del diritto di voto, al proprio domicilio.Con l’approvazione della Legge 7 maggio 2009, n. 46 viene esteso il diritto al voto domiciliare anche ad altre categorie di elettori intrasportabili affetti da gravissime infermità. Infatti, oltre agli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto domiciliare anche gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile. La richiesta per esercitare il voto a domicilio deve essere presentata compilando apposita domanda (in allegato in fondo alla pagina), all’Ufficio Protocollo di Piazza Duomo n. 1, in un periodo compreso tra il 40° e il 20° giorno antecedente la data di votazione (per le elezioni del 4 marzo 2018 i termini sono dal 23.01.2018 al 12.02.2018). Nella domanda va indicato l’indirizzo dell’abitazione dell’elettore e un recapito telefonico. Alla domanda devono essere inoltre allegati:

copia della tessera elettorale
copia di un valido documento d'identita'
certificato, rilasciato dal funzionario medico, designato dagli organi competenti dell’Azienda Sanitaria Locale, che attesti l’esistenza delle condizioni di gravissima infermità, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui si dimora risulti impossibile o l’esistenza di condizioni di grave infermità con dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, tale da impedire all’elettore di recarsi al seggio.

DOMANDA VOTO A DOMICILIO

Allegato 235.00 KB formato pdf
Scarica

DOMANDA VOTO ASSISTITO

Allegato 21.00 KB formato pdf
Scarica