Un Castello di Libri a Voghera 2019

Pubblicato il 15 ottobre 2019 • Cultura

VOGHERA. La “due giorni” di libri e cultura, “Un Castello di Libri” 2019, presso il Castello Visconteo di Voghera, organizzato da Elisabetta Balduzzi di Libreria Ticinum Editore con il patrocinio del Comune di Voghera, giunge alla quarta edizione con grandi novità e grandi autori. Sabato 19 e domenica 20 ottobre sono previsti 8 appuntamenti, con una offerta culturale di alto profilo, con nomi di prestigio di livello internazionale. La manifestazione si svolge nell’ambito delle tre grandi mostre dedicate a Giovannino Guareschi nelle sale del Castello Visconteo di Voghera da venerdì 9 ottobre a domenica 3 novembre e prevede due appuntamenti di IT.A.CÁ Festival del Turismo Responsabile a Pavia e in Oltrepò Pavese con molti eventi il 9-14 e 18-20 ottobre.

DOMENICA 20 OTTOBRE

Ore 11. Si comincia con il primo appuntamento di IT.A.CÁ. Un incontro eccezionale “L’olio che non ti aspetti” con Luigi Caricato, uno dei massimi esperti di olio a livello nazionale, direttore di Olio Officina Magazine, che ci conduce nel mondo dell’olio e degli ulivi in Oltrepò Pavese, dove ci sono realtà economiche che hanno investito sulla piantumazione di ampie zone di uliveti. L’incontro sarà una sorta di guida alla conoscenza e al corretto impiego degli oli extra vergini di oliva a crudo e in cottura. Un itinerario guidato, tra libri, parole e degustazioni (con il pane e, in purezza per chi lo vorrà, nel bicchiere) di alcuni tra i più significativi extra vergini di produzione nazionale ed estera, unitamente a una selezione di oli autoctoni, prodotti nell’Oltrepò Pavese. Alla degustazione guidata parteciperà attivamente il pubblico. Partecipano all’incontro inoltre: Teresio Nardi, fiduciario Slow Food dell’Oltrepò Pavese e alcuni produttori di olio dell’Oltrepò.

Ore 16. Il pomeriggio si apre con un’autrice di altissimo livello, Ben Pastor, scrittrice di gialli storici ambientati nella Germania degli anni trenta. Torna il suo personaggio che ha dato fama all’autrice, Martin Bora. Estate del 1937, la Spagna è in piena guerra civile. Inizia qui la saga di Martin Bora, l’ufficiale della Wehrmacht. Il ventenne Martin si arruola volontario tra le file di Francisco Franco vivendo il dramma spagnolo come un’avventura a cavallo tra idealismo e incoscienza giovanile. E lì si imbatte nel cadavere di un uomo morto ammazzato: è quello di Federico García Lorca, brillante poeta, progressista, omosessuale, un cadavere che fa più paura di un nemico in carne e ossa. Le versioni ufficiali su quella morte non convincono affatto il giovane Martin che inizia una rischiosa inchiesta in paradossale sincronia con l’indagine di un «nemico».

Ore 17. Secondo appuntamento con IT.A.CÁ. Il viaggio nella storia continua con il mito di Ulisse; il Professore Maurizio Harari presenta il suo libro “Andare per I luoghi di Ulisse”, edito da il Mulino, affiancato dal professore Corrado del Bo. Un viaggio tra reale e immaginario. Chi volesse in Italia ripercorrere i luoghi e ritrovare le immagini del favoloso errare di Ulisse, dove dovrebbe recarsi? L'eroe omerico tocca infatti molte località della penisola. Ormeggiò le navi nel Golfo di Gaeta e s'imbattè nei terribili Lestrigoni, giganti antropofagi, nei pressi di Formia; dalle parti di Terracina, l'antica Anxur, sarebbe stato sepolto l'amico Elpenore, e l'isola Eea fu identificata col promontorio del Monte Circeo: qui s'immaginava la residenza della Maga Circe, con la quale egli visse un anno d'amore. E le mostruose Scilla e Cariddi altro non sono che la trasposizione mitologica dei pericoli dello stretto di Messina. Ulisse e i suoi uomini incontrarono i Ciclopi e vennero fatti prigionieri da Polifemo alle falde dell'Etna. Episodi celeberrimi, immortalati fin dall'antichità in affreschi, mosaici e sculture. Il viaggio termina a Cortona, dove Ulisse, lasciata di nuovo Itaca dopo il periglioso ritorno, avrebbe trovato infine sepoltura.

Ore 18. La due giorni d’incontri si chiude in bellezza con un’autrice che dal Belgio si è trasferita a Voghera. Patrizia Debicke Va der Noot, presenta La gemma del cardinale de’ Medici, edito da Tea, e dialogherà con lo scrittore Guido Conti. La scrittrice, nota per i suoi romanzi storici ambientati nel periodo nel rinascimento fiorentino, racconta di Don Giovanni de' Medici, figlio naturale legittimato del granduca Cosimo I, fa ritorno a Firenze alla morte improvvisa e assai sospetta del fratello maggiore Francesco I e della moglie Bianca Capello. L'erede, il cardinale Ferdìnando de' Medici, che ne apprezza le doti di condottiero e di diplomatico, lo vuole al suo fianco per governare il Granducato di Toscana, uno stato ricco, da generazioni in mano a una dinastia di banchieri, i Medici. Ma i nemici dentro e fuori della famiglia incalzano. Firenze e la Toscana fanno gola a molti e la cosa più importante è ottenere l'appoggio di Stati potenti, come la Santa Sede, la serenissima repubblica di Venezia e l'Impero. Don Giovanni, parte dunque come ambasciatore, ma nel corso dei suoi viaggi dovrà battersi contro una setta religiosa e fanatica che ha la Spagna come mandante...

Il programma di Un Castello di Libri 2019
Allegato formato png
Scarica